Storia dell'Arte

Sandro Botticelli: the gold of canvases, Florence and Neoplatonism

Sandro Botticelli: l’oro delle tele, Firenze e neoplatonismo

Sandro Botticelli è interprete della cultura neoplatonica di Firenze, con pittori suoi contemporanei affresca la Sistina

Prove di Cristo, 1481-1482, affresco, Città del Vaticano, Musei Vaticani, Cappella Sistina

All’epoca di Sandro Botticelli (1445-1510) le persone e le loro città erano ancora tra loro intrinsecamente unite.

Non che oggi questo legame non esista più, tuttavia una volta era più evidente.

Noi giovani, europei potremmo perfino prendere per “farneticante” uno che non si muoverebbe mai dalla sua amata, per esempio, Firenze.

Dobbiamo pensare che quella reazione è legata al fatto che noi abbiamo la nostra identità su un piano più vasto, legato a più città, a molte nazioni, a diversi usi tipici di un popolo, sussunti ad uno attraverso l’abitante dell’Europa.

Un po’ come uno statunitense si sente sia legato alla città in cui vive ma prima di tutto cittadino americano.

Al tempo di Botticelli le cose non erano così vaste come oggi, eppure erano maggiormente particolareggiate e ancor più si potrebbe dire, assolutizzanti.

Azzarderei, forse il nichilismo del periodo odierno, quella sensazione che tutto esca dal nulla per poi farvi ritorno, è il frutto del primo impatto che l’allargamento dei confini ha portato con sé.

Una prima indefinita, inconscia sensazione di perdita di confini, di perdita di identità, dovuta all’allungamento e allargamento del nucleo.

Potremmo pensare che sia -quel nichilismo- la percezione di un risultato momentaneo, la fotografia di un attimo.

D’altra parte non è forse un solo attimo nell’orologio del mondo, quello che ci separa dalla pace imposta alla terrificante seconda mondiale?

Quel nichilismo di oggi andrebbe legato ad un momento dunque che è ascrivibile a quello che passa mentre una cellula eucariota si divide, nel momento in cui i nuclei sono duplicati e proprio prima del dividersi definitivo del citoplasma.

Prove di Mosè, 1481-1482, affresco, Città del Vaticano, Musei Vaticani, Cappella Sistina

Le cose stavano in una certa maniera quando Alessandro era giovane e senza grossi dubbi felice e anche in piena attività, ovvero già parecchio dopo che gli fu affibbiato il nome di Botticelli, scelto secondo la spiegazione più plausibile, per il fatto che da ragazzino a Firenze frequentò la bottega orafa di un tizio di nome Botticello.

Ma sicuramente prima che la predicazione di Savonarola scurisse tragicamente i volti dei fiorentini e, per così dire, spegnesse i pennelli degli artisti.

La cultura filosofica di Firenze nel periodo della giovinezza di Sandro era di stampo neoplatonico.

Giusta o sbagliata che sia su altri piani, non si poteva che cavarne del buono oltreché naturalmente del bello e per un tratto considerevole quella cultura neoplatonica va d’accordo anche con la visione del Papato.

Lo si potrebbe dire con maggior certezza basandosi su altre questioni, tuttavia questa affinità al neoplatonismo si evince serenamente da un fatto.

Nel 1481 papa Sisto iv impegna una delegazione di quattro pittori fiorentini, tra cui il nostro Sandro, a dipingere, “Decem historias Testamenti Antiqui et Novi”, frase latina che in italiano significa “Dieci storie dal Vecchio e dal Nuovo Testamento“.

La commissione era per affreschi nelle stanze della “magna palatii apostolici”, meglio conosciuta con il nome di Cappella Sistina, la cappella che nella visione di Sisto iv, deve diventare l’immagine corretta del tempio di Salomone.

Al centro di quella decina di dipinti, vediamo l’idea di mettere a confronto la vita dei due personaggi storici certamente visti nella loro veste sacra: ovvero Gesù Cristo di Nazareth e Mosè.

Punizione di Qorah, Dathan e Abiram, 1481-1482, affresco, Città del Vaticano, Musei Vaticani, Cappella Sistina

L’intento di tracciare un parallelismo tra le vicende dei due è evidente e dichiarato.

Tanto che le vicende biografiche di Mosè sono da interpretare storicamente come prefiguranti due cose, l’avvento del figlio di dio.

E in maniera non affatto secondaria, prefiguranti un parallelismo tra i due nuclei della Bibbia, il Vecchio e il Nuovo Testamento.

Addirittura si potrebbe parlare della superiorità del Nuovo Testamento per il fatto che in questa parte si realizza compiutamente quanto annunciato nell’altra, cosa che ha come correlato la preesistenza della religione cristiana nell’ebraica.

Sandro Botticelli è l’artista a cui è dedicato questo articolo della rubrica Storia dell’Arte di Inside The Staircase.

Ne parliamo in uno spicchio di tempo preciso, nel 1481-1482 nel periodo in cui è commesso da papa Sisto iv, quando lavora al fianco del magnifico Domenico Ghirlandaio, probabilmente per intercessione di Giovannino de’ Dolci, Sandro Botticelli a Roma in quegli anni.

Accanto a lui non c’è solo il Ghirlandaio, Sandro è insieme all’elegantissimo e inconfondibile Pietro Perugino, così come è spalla a spalla con il grande Cosimo Rosselli; non era quindi affatto solo ad affrescare le sale vaticane.

Eppure il tratto del Botticelli sul racconto biblico, porta con sé una cera verticalizzazione e tensione.

Alcuni autori, paragonando i dipinti fiorentini a quelli romani, notano la tensione botticelliana.

L’interpretazione di questa sfumatura artistica negli affreschi del Botticelli, esiste e è legata alla considerazione di una portato, da parte di Sandro Botticelli, quello di trasmettere l’inquietudine della spiritualità veterotestamentaria.

Spiritualità veterotestamentaria a cui mancherebbe qualche genere di serenità, nei suoi soli confini, cioè restando aderenti al racconto cronologico legato alla stesura della Bibbia, nei racconti narrati c’è un, per così dire, clima diverso rispetto alla seconda parte.

Nei libri del Vecchio Testamento mancherebbe in modo tangibile la luce sfolgorante di Cristo perché seppure e probabile che i protagonisti attendessero sinceramente l’avvento del Messia, ancora non lo avevano conosciuto e ancora non avevano ricevuto il suo messaggio di amore.

Botticelli riesce a dipingere ogni cosa, persino quell’inquietudine precedente a Cristo, interpretabile come un tratto caratteristico del Vecchio Testamento.

Lo intuiamo sui muri della Sistina, conoscendo Sandro, la sua storia, la sua mano, la sua abilità oltreché la sua sensibilità; presso la Cappella Sistina per la parte richiesta da Sisto iv, siamo in grado di vedere qualcosa di più, di togliere un velo al racconto e connetterci direttamente al testo sacro visto nel parallelo tra i due nuclei.

Sì Botticelli val la pena di essere amato per più di una manciata di secondi.

E per capirlo, dico ora una cosa che vale per qualsiasi cosa uno voglia capire veramente, bisogna destabilizzarsi.

Bisogna prima cercare prima di capire che c’è una quantità di ignoto che non riusciremo a riportare entro il nostro orizzonte, bisogna scendere al compromesso che se vogliamo davvero capire qualcosa qualsiasi cosa esso sia, purché piccola essa sia, dobbiamo cambiare.

Fosse anche il cambiamento riguardi l’aggiunta di qualcosa a noi stessi, ma dobbiamo modificarci.

La comprensione, la conoscenza di qualcosa di nuovo, qualora avvenga in maniera veritiera, ci farà cambiare, per questo ci sarà un momento in cui ci sentiremo leggermente disturbati: è il momento in cui la goccia di colore è caduta nel vasetto di vernice bianca.

Penso a un esempio da fare, penso a questi video che amo guardare on line quando ho tempo; sembra vada per la maggiore una tecnica artistica che usa la vernice.

Si prende un contenitore, per esempio un bicchierino di plastica, lo si riempie di vernice; si possono fare strati di colore con la vernice perché quella vernice liquida è abbastanza consistente da restare sospeso su quella sottostante almeno per un po’; insomma poi a piacimento si può aggiungere una goccia di un colore diverso.

Poi si prende la tela da pitturare, la si appoggia sulla bocca del bicchierino e si rovescia, come una frittata.

Quando impariamo qualcosa aggiungiamo un colore al bicchierino, non restiamo uguali.

Noi siamo sia il bicchiere che la vernice che sta all’interno, accumulata nel tempo come le nostre esperienze, alla pari delle nostre conoscenze, stratificate di diverso tipo e che tra loro sono in un rapporto di compenetrazione.

Essere affascinati senza corrompersi è senz’altro un difetto.

Sandro Botticelli parlava attraverso il disegno, aveva una capacità tale da poter esprimere qualsiasi cosa desiderasse; il colore predominante è il neoplatonismo, delle altre gocce ci sono, belle come oro.

Qui abbiamo provato a setacciarne almeno una pagliuzza, a tirare fuori una goccia di colore.

Guardate i suoi affreschi sui muri della Sistina in Vaticano, ricordate che quella parte delle pareti la hanno dipinta in quattro, il Ghirlandaio, Cosimo Rosselli, il Perugino e lui, Sandro Botticelli.

Guardateli di nuovo o per la prima volta, poi ditemi se c’è, se vedete l’oro della tele.

Licenza Creative Commons

written by/scritto da Elettra Nicodemi

Annunci
Pagine: 1 2

2 risposte »

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.