Arte Contemporanea

A spasso per il Museo Fattori e il Premio Combat Prize

I Macchiaioli, il disegno della vita campagna e dell’emigrazione e il premio internazionale di arte contemporanea Premio Combat Prize tutto questo a Livorno al Museo Fattori

Attende i visitatori all’inizio del percorso espositivo al secondo piano un busto in bronzo datato 1907 che ritrae Giovanni Fattori all’epoca ottantadue-enne L’opera scultorea è realizzata da Ercole Drei. Misura circa un metro, per la precisione ha dimensioni di 55x 64x 88 cm. Fusa un anno prima della scomparsa in Firenze del pittore livornese- a cui è intitolato il museo a villa Mimbelli. Fattori -realizza le tele calcate o acqueforti col “torchio calcografico”.

Fattori incide ciò che disegna, i temi tipici dei Macchiaioli, immagini della campagna toscana, specialmente animali e butteri maremmani, oltre a militari in battaglia e gente di mare. I disegni calcati sono realizzati grazie a cèra spalmata su lastre di zinco, poi incisa e bagnata con acidi da morsura. La maestria di Fattori lo rivaleggia come il più grande incisore di acqueforti dell’Ottocento. La sua arte riguarda il tempo di immersione delle incisioni, variazioni che modificano lo spessore delle linee incise e perciò, una volta inchiostrate, delle tonalità dell’ inchiostro dei calchi. Fattori fu pittore, incisore e maestro di pittura ed è capostipite della corrente dei Macchiaioli. Nelle sale del secondo piano di villa Mimbelli tra gli altri contemporanei a Fattori i tre Tommasi: Angiolo, Lodovico e Adolfo che dipingono la culla, la caduta delle foglie, la raccolta delle olive e vari paesaggi. Vittorio Corcos ottimo ritrattista– nel 1927 disegna tra gli altri olio su tela, Gilberta Mimbelli. Ritrae Giuseppe Garibaldi anziano, stesso soggetto realizzato da Nomellini che dipinge sempre Garibaldi ma sul campo di battaglia a cavallo in un olio su tela di 1 metro e novantasei per uno e settantanove. Emigranti di Raffaello Gambogi olio su tela del 1894, è un quadro che— per il tema dipinto —contribuisce a formare una fotografia completa dell’epoca sospesa al Museo Fattori di Livorno quella di fine Ottocento- inizio Novecento.  

Il Museo Fattori di Livorno ospita il Premio Combat Prize dedicato all’arte contemporanea, nel servizio audio video maggiori informazioni

Premio Combat Prize 2017, servizio di Elettra Nicodemi

Vediamo ora l’intervista a Francesca Baboni organizzatrice del premio Combat Prize alla sua nona edizione. Francesca è una delle fondatrici dell’evento, è nella giuria e ha seguito tutti gli allestimenti molto da vicino; le chiediamo informazioni sul premio Combat Prize 2018 attualmente in fase di raccolta opere (le iscrizioni sono prorogate fino a sabato 5 maggio):

Esterno presso villa Fattori (Livorno). A sinistra, sul muro, una locandina, premio Combat Prize

Sono in corso le iscrizioni al premio Combat Prize – edizione 2018, Francesca, cosa ti senti di dire a chi ha un’opera nel cassetto e vorrebbe partecipare?

Direi di lanciarsi e partecipare. Sono nella giuria del Combat fin dal suo inizio, in quanto anche fondatrice del premio, posso dire che abbiamo scoperto con grande soddisfazione molti talenti fino ad allora sconosciuti, che adesso ritroviamo in fiere e gallerie importanti. Il premio Combat è diventato nel corso degli anni una vetrina di prestigio che molti galleristi seguono con attenzione, sicuramente un bel trampolino di lancio per entrare nel sistema dell’arte.

Quante e quali sezioni accolgono le opere dei partecipanti?

Il premio combat si è evoluto nel corso degli anni e forse per questo è ancora vivo e vitale dopo ben otto edizioni. Le sezioni tradizionali sono pittura, grafica, fotografia, scultura e installazione, video.  Ci sono poi premi speciali come il premio FATTORI CONTEMPORANEO e il premio Art tracker collegato a Lucca Art Fair.

È possibile iscriversi on-line?

Certo, all’interno del sito c’è un modulo per caricare le opere desiderate all’interno della propria sezione.

Dove è possibile trovare il bando di concorso?

Sul sito www.premiocombat.it nella sezione bando.

Al momento come stanno andando le iscrizioni? Ci sono previsioni rispetto all’anno scorso?

Le iscrizioni stanno andando molto bene, come del resto ogni anno, e date le numerose richieste si è deciso di prorogare il termine delle iscrizioni al 5 maggio.


Si ringrazia dott.ssa Francesca Baboni storica d’arte per la cortese collaborazione

Intervista a cura di ElettraNicodemi

Fonti:

https://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Fattori _ inoltre per Giovanni Fattori ,

Le informazioni didascaliche presenti al museo lungo il percorso_ specialmente per il torchio calcografico.

Elettra Nicodemi

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.