Storia dell'Arte

Gli indipendenti di Parigi (o l’école parisienne)

Margherita seduta in fianco 1916, Amedeo Modigliani
Margherita seduta in fianco 1916, Amedeo Modigliani

Siamo nei primi decenni del Novecento, Parigi, con un occhio particolare al Quartiere di Montmartre, è la città degli artisti.

Le novità passano da lì, la capitale francese è viatico e punto di incontro delle avanguardie e dei liberi pensatori.

Amedeo Modigliani, Marc Chagall, Maurice Utrillo sono tre punte di eccellenza nell’arte; si tengono discosti dalle avanguardie tout court, le avanguardie storiche eppure ne sono influenzati; anticipano estremi che prenderanno la piega di correnti, ad esempio si fa cenno a Chagall per il surrealismo.

Amedeo Modigliani

Modigliani - Testa femminile, 1911-12
Modigliani – Testa femminile, 1911-12

Amedeo Modigliani, artista italiano, raggiunge Parigi all’età di ventidue anni; ha dalla sua una solida cultura artistica e letteraria; ha studiato l’arte gotica italiana e l’arte rinascimentale, tra i suoi riferimenti la pittura fiorentina di Sandro Botticelli (Firenze/1455-1510).

La scultura è il suo primo mezzo espressivo; fa dei volumi della scultura suo punto di forza in pittura. Dai maestri studiati prende l’idea fissa dell’allungamento delle figure.

Le linee di tratto abbondante sono funzionali all’effetto di linearità dell’olio su tela e sono strumento di idealizzazione.

Modigliani riempie lo spazio del personaggio. I suoi ritratti hanno carattere tagliente.

I tratti decisi e lunghi ammorbidiscono i volti e li stilizzano. La somiglianza a persone reali è il genio di Amedeo, i suoi dipinti sono credibili.

La firma dell’artista è riconoscibile, originale, quotabile. Gli stacchi di colore sono netti, anche se non si direbbe al primo sguardo.

Modigliani smette di scolpire all’età di trent’anni, per problemi di salute, già nel 1914-1915 non ha la forza necessaria a sostenere la fatica della scultura.

I ritratti dipinti in serie di olii su tela sono delle persone che lo hanno sostenuto e compatito e amato. Ha dipinto Modigliani, chi era al suo fianco.

Marc Chagall

Chagall, dalla finestra 1913
Chagall, dalla finestra 1913

Marc Chagall insegue la bellezza del sogno. Raggiunge nel sogno ciò che è soprannaturale e miracoloso. Chagall è magico.

Di Parigi alla finestra, opera del 1913, si può dire alla maniera di Hemigway sia una luminosa festa mobile. Il gatto sul davanzale ha un volto antropomorfo. L’uomo sullo stesso piano della sedia capovolta ha due volti, forse per indicare la circolarità della visione. Forse un inconscio Giano bifronte novecentesco. Il latino Giano rivolto al passato e al futuro, ha due facce, la prima sul volto, la seconda sulla nuca. La città di Chagall ha figure volanti. Uomini sottosopra. Per analogia si accenna a La tour di Robert Delaunay.

Maurice Utrillo

Maurice Utrillo-La Belle Gabrielle, Montmartre, 1912
Maurice Utrillo-La Belle Gabrielle, Montmartre, 1912

Maurice Utrillo (Parigi 1883-Dax, 1955) dipinge vedute di Montmartre e nella sua complessità di uomo, dipinge la fatica dell’accettazione.

I colori spenti dei suoi quadri sono comunemente interpretati come specchio della sua solitudine e sofferenza; Maurice canta Parigi, città in cui si sente invisibile.

La belle Gabrielle è databile 1912 ed è un olio su tela; domina il grigio, la potete vedere qui accanto.


Su Marc Chagall ho scritto anche National Marc Chagall e la storia di Marc Chagall

Su Montparnasse ti può interessare il mio articolo Amedeo +100


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia. Per le immagini vedere Policy in Home Page

di Elettra Nicodemi

4 risposte »

  1. Siamo ai primi decenni del Novecento, accanto alle avanguardie storiche alcuni artisti, detti della Scuola di Parigi, hanno produzioni indipendenti. Calati nel contesto storico in fermento, prendono spunto dai loro contemporanei senza tuttavia associarsi, né mescolarsi fino a perdere la loro identità individuale di artisti.

    Chagall, Modigliani, Utrillo sono tre parigini. Adottano e creano la ville lumiére lasciandosi trasportare dal suo incessante, ricchissimo turbinio. Le mostre propone il museo nazionale di Marc Chagall, di Nizza, la permanete più ricca dell’autore bielorusso, nato nel 1887 e trasferitosi a Parigi nel 1910 per rivedere il suo stile. L’approfondimento si concentra maggiormente sull’italiano di Livorno Amedeo Modigliani appena ventunenne già nella capitale dello stato francese. Utrillo resta, come nella sua vita, a margine.
    Hai letto il testo del video editoriale che puoi vedere qui https://www.facebook.com/783693268362054/videos/989487377782641/?theater

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.